© Unindustria Forlì - Cesena
Collegio Costruttori Edili Forlì-Cesena
Via Punta di Ferro, 2/a – 47122 Forlì

Pubblicate le linee applicative degli accordi sulla formazione

  1. 30 agosto 2012
  2. |stampa|
  3. condividi

E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 192 del 18 agosto 2012 l’accordo del 25 luglio 2012, approvato in Conferenza Stato-Regioni, in materia di formazione del datore di lavoro che intenda svolgere direttamente i compiti del servizio di prevenzione e protezione e di quella dei lavoratori, dei dirigenti e dei preposti.

 

L’obiettivo del documento è di completare e chiarire quanto delineato dagli accordi del 21 dicembre 2011, fornendo alle aziende ed agli organi di vigilanza, le prime indicazioni essenziali per l’organizzazione, la realizzazione e la verifica di attività formative pienamente coerenti con la vigente normativa.
 
Il documento è diviso in sezioni come di seguito articolate:
-     Efficacia degli accordi.
-     Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione.
-     Formazione in modalità e-learning.
-     Disciplina transitoria e riconoscimento della formazione pregressa.
-     Aggiornamento della formazione.
-     La formazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione.
-     Decorrenza dell’aggiornamento per ASPP e RSPP esonerati ai sensi del comma 5 dell’articolo 32 del d. lgs. n. 81/2008.
 
Si riporta l’analisi degli aspetti più importanti evidenziati in ciascuna sezione.
 
Efficacia degli accordi
Formazione dei lavoratori autonomi ai sensi dell’articolo 21 del “testo unico” di salute e sicurezza: il documento recante le linee applicative ribadisce che le previsioni di cui all’accordo ex art. 37 del “testo unico” di salute e sicurezza non hanno efficacia obbligatoria ma sono dirette a fornire ai soggetti di cui all’art. 21 utile parametro di riferimento per la formazione.
E’ altresì obbligatoria altra formazione rispetto a quella oggetto di regolamentazione da parte dell’accordo ex art. 37 qualora quest’ultima derivi da disposizioni di legge speciali rispetto alla previsione generale dell’art. 21 comma 2 (è ad esempio il caso della formazione dei lavori in ambienti confinati obbligatoria anche per i lavoratori autonomi).
Formazione di dirigenti e preposti: rispetto a tali figure l’applicazione dell’accordo ex art. 37 è facoltativa ma costituisce tuttavia un principio di prova in ordine al rispetto delle previsioni normative. Il datore di lavoro può comunque ottemperare all’obbligo di garantire “adeguata e specifica” formazione anche per mezzo di attività formativa progettata e/o realizzata in modo difforme rispetto ai contenuti dell’accordo ex art. 37
Formazione distinta da quella prevista dai Titoli successivi al I: le linee applicative ribadiscono un principio di ordine generale secondo cui la formazione sulla base dell’accordo ex art. 37 del “testo unico” di salute e sicurezza esaurisce l’obbligo formativo a carico del datore di lavoro a meno che quest’ultimo non sia tenuto a far frequentare corsi regolamentati da disposizioni aventi le caratteristiche delle norme speciali contenuti nei titoli successivi al I o in altre norme di legge che individuano percorsi formativi ad hoc. E’ il caso della formazione ex art. 73 comma 5 del “testo unico” di salute e sicurezza sulle attrezzature di lavoro, della formazione ex art. 136 comma 6 del “testo unico” di salute e sicurezza per i montatori di ponteggi, della formazione di cui all’art. 258 del “testo unico” di salute e sicurezza in relazione ai lavoratori esposti o potenzialmente esposti ad amianto).
L’estensore delle linee applicative chiarisce che non costituiscono norme speciali, a titolo esemplificativo, quelle di cui all’art. 169 comma 1 lettera b) in materia di movimentazione manuale dei carichi o di cui all’art. 177 comma 1 lettera b) in materia di videoterminali dal momento che tali contenuti non sono stati specificati dal legislatore e faranno parte della “formazione specifica” ex art. 37.
Integrazione dei contenuti con la valutazione del rischio: il documento ribadisce che il percorso delineato dall’accordo è minimo e tuttavia sufficiente rispetto al dato normativo salvo che non debba essere integrato sulla base della valutazione dei rischi o nei casi previsti dalla legge (nel caso di introduzione di nuove procedure di lavoro o nuove attrezzature).
Classificazione dei lavoratori:qualora nelle aziende esistano soggetti esposti a diverse condizioni di rischio si possono prevedere corsi di diversa durata avendo a riferimento la valutazione del rischio tenendo conto delle attività concretamente svolte dai soggetti medesimi.
Contratto di somministrazione di lavoro:l’accordo ex art. 37 del “testo unico” di salute e sicurezza ribadisce che somministratori e utilizzatori hanno facoltà di regolamentare in via contrattuale le modalità di adempimento degli obblighi di legge specificando che essi possono “concordare che la formazione generale sia a carico del somministratore e quella specifica di settore a carico dell’utilizzatore”.
 
Collaborazione degli organismi paritetici alla formazione
Le linee applicative ribadiscono l’importanza che il “testo unico” attribuisce agli organismi paritetici costituiti nell’ambito di associazione di datori di lavoro e dei prestatori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale (art. 2 comma 1 lett. ee) d. lgs. n. 81/08 e s.m.i.) firmatarie di un contratto collettivo nazionale di lavoro.
Un datore di lavoro che richiede la collaborazione di tali organismi deve verificare che questi abbiano tali caratteristiche. Qualora un datore scegliesse di dare mandato ad un ente formatore, può richiedere a quest’ultimo di inviare, per suo conto, la richiesta di collaborazione all’organismo paritetico.
L’estensore del documento chiarisce che la norma non impone al datore di lavoro di effettuare la formazione necessariamente con gli organismi paritetici summenzionati, quanto di mettere i medesimi a conoscenza della volontà di svolgere la formazione al fine di poter ricevere proposte al riguardo.
Tali organismi devono svolgere l’attività di supporto sia nel territorio che nel settore di attività del datore di lavoro. Il territorio di riferimento può essere individuato nella provincia. Laddove il sistema di pariteticità non sia articolato a livello provinciale ma sia presente a livello regionale, la collaborazione opererà a tale livello. Qualora gli organismi non siano presenti né a livello provinciale né regionale, il datore di lavoro si rivolgerà ad un organismo che opera ad un livello superiore.
Nel caso di aziende con più sedi ubicate in differenti contesti territoriali, l’organismo di riferimento può essere individuato avendo riguardo alla sede legale dell’impresa.
Il documento recante le linee applicative puntualizza che il ministero del lavoro non accredita gli organismi paritetici né riconosce capacità di rappresentanza in base a protocolli o codici del ministero del lavoro stesso. Allo stesso modo non ha alcuna valenza l’inoltro eventuale, al Ministero, di documentazione finalizzata al citato accreditamento.
L’accordo ex art. 34 precisa che gli organismi paritetici sono soggetti formatori per i datori di lavoro qualora effettuino le “attività formative o di aggiornamento direttamente o avvalendosi di strutture formative di loro diretta emanazione”.
Pertanto gli organismi paritetici debbono svolgere attività di formazione direttamente o per mezzo di strutture formative proprio o almeno partecipate, senza poter procedere all’utilizzo di strutture esterne se non accreditate ai sensi dell’intesa del 20 marzo 2008 in Conferenza Stato Regioni e pubblicata nella gazzetta ufficiale del 23 gennaio 2009. Inoltre gli organismi paritetici non possono procedere ad alcun “accreditamento” della formazione svolta da altri soggetti, la quale, quindi, non ha alcuna rilevanza relativamente al rispetto delle disposizioni di legge e di quelle di cui agli accordi del 21 dicembre.
Per quanto riguarda la richiesta di collaborazione agli organismi paritetici il documento chiarisce che, qualora l’organismo risponda entro quindici giorni, il datore di lavoro terrà conto della risposta senza che tuttavia ciò significhi che la formazione debba essere svolta necessariamente con l’organismo paritetico, qualora la risposta comprenda una proposta di svolgimento presso l’organismo della attività di formazione, né che le indicazioni debbano essere obbligatoriamente seguite nella realizzazione dell’attività formativa.
Tale indicazione non tiene conto delle specificità del settore edile e limita il ruolo fondamentale degli organismi paritetici riconosciuto dal “testo unico”, come ribadito anche dalle stesse linee applicative. Come è noto, il comparto edile ha un sistema paritetico consolidato e pienamente operativo a livello territoriale, finanziato da un apposito contributo a carico delle imprese edili e finalizzato ad erogare servizi alle imprese stesse, tra cui la formazione dei propri lavoratori.
L’Ance, pertanto, interverrà nelle sedi opportune per ribadire la necessità che l’attività dell’organismo paritetico non sia limitata alla semplice conoscenza da parte dello stesso del percorso formativo che il datore di lavoro intende avviare per i propri lavoratori, ma che venga riconosciuto all’organismo paritetico un ruolo attivo e partecipativo nell’organizzazione della formazione.
 
Formazione in modalità e-learning
L’estensore delle linee applicative ha fornito alcune specifiche sulla formazione e-learning.
Ha chiarito ad esempio alcuni aspetti sulla figura del tutor che non deve garantire una costante presenza quanto una disponibilità ad intervenire con modalità e tempi predefiniti.
Inoltre ha sottolineato la necessità di dare presenza di prove e verifica finale.
E’ stato comunque ribadito che tale tipologia di formazione è riferita a:
-     Accordo ex articolo 34: modulo normativo e gestionale (1 e 2), non anche, quindi, quello tecnico e relazionale (3 e 4), aggiornamento quinquennale e verifiche sul mantenimento delle competenze acquisite.
-     Accordo ex articolo 37: formazione generale per i lavoratori (4 ore), tutta la formazione dei dirigenti (16 ore), la parte individuata ai punti da 1 a 5 della formazione dei preposti e i corsi di aggiornamento (punto 9), ai quali si aggiungono progetti formativi sperimentali eventualmente individuati per lavoratori e preposti da Regioni e Province autonome.
In ordine alla parte di formazione che si svolge via e-learning, va evidenziato che non è consentito erogare la formazione per mezzo della semplice trasmissione di lezioni “frontali” a distanza, ma devono essere riscontrabili requisiti di interattività della formazione e presenza di soggetti (tutor e/o docenti) in possesso di determinate caratteristiche.
Quanto, infine, alle verifiche di apprendimento, la previsione relativa alla verifica finale “in presenza” deve essere intesa nel senso che non sia possibile la verifica del completamento del percorso in modalità telematica, come consentito per le verifiche intermedie, ma in presenza fisica, da attuarsi anche per il tramite della videoconferenza.
 
Disciplina transitoria e riconoscimento della formazione pregressa
Le linee applicative chiariscono che tutti i riferimenti all’entrata in vigore e quelli alla pubblicazione degli accordi vanno sempre riferiti all’11 gennaio 2012, ossia alla data di pubblicazione degli accordi ex art. 34 e ex art. 37 del “testo unico”.
Limitatamente ad una fase di prima applicazione, sono stati previsti degli esoneri dalla frequenza dei corsi, qualora la frequenza, secondo le vecchie regole, sia svolta per i datori entro e non oltre sei mesi dall’11 gennaio 2012 e per i lavoratori, dirigenti e preposti, entro e non oltre dodici mesi dall’11 gennaio 2012 e purché i corsi siano stati organizzati ed approvati “formalmente e documentalmente” prima dell’11 gennaio 2012.
L’evidenza formale del corso si concretizza ad esempio in una richiesta di finanziamento o di riconoscimento avanzata per un determinato corso, un bando, un programma puntuale di attività che risulti da un accordo collettivo o da un verbale di riunione periodica. In tal modo non vengono penalizzati i datori che hanno progettato e pianificato alla data dell’11 gennaio corsi di formazione, investendo risorse o condivise con parti sociali e/o rappresentanze dei lavoratori.
La documentazione non necessita di data certa, ma il datore deve dimostrare che tali corsi erano in fase avanzata di pianificazione e realizzazione.
Le linee applicative chiariscono che il termine di riferimento per il completamento del percorso formativo particolare ed aggiuntivo da preposto è di 18 mesi e non di 12 mesi come erroneamente indicato al punto 11 lettera a) ultimo periodo dell’accordo ex art. 37.
Il termine per il completamento del percorso formativo per i dirigenti che hanno fatto in passato corsi secondo il DM 16 gennaio 1997 o secondo il modulo A per ASPP/RSPP, è di 18 mesi, a meno di accordi aziendali. In tal caso il termine è di 12 mesi a partire dall’11 gennaio 2011.
Per il personale di nuova assunzione, l’avvio del corso per dirigente o preposto, deve essere previsto anteriormente o contestualmente all’assunzione o adibizione a compiti di dirigente o preposto. Nel caso in cui il datore non riesca a rispettare tali termini, evidenziandone le motivazioni, completerà il percorso formativo entro 60 giorni dall’inizio dell’attività lavorativa.
Tutta la formazione pregressa, per essere riconosciuta, deve essere comprovata con idonea documentazione e/o attraverso qualsiasi mezzo idoneo allo scopo.
In difetto, i corsi devono essere svolti nel più breve tempo possibile nel rispetto delle modalità di cui all’accordo ex art. 37 e quelli di dirigente e preposto nel termine di 18 mesi.
Al fine di fornire dei crediti formativi è opportuno che venga sempre rilasciata copia degli attestati relativi alla formazione effettuata.
A seguito dell’emanazione delle linee applicative, sono stati aggiornati gli schemi a blocchi che l’Ance aveva realizzato a seguito della pubblicazione degli accordi del 21 gennaio e che riassumono alcuni degli aspetti summenzionati, quali la disciplina transitoria. Tali schemi sono riportati in allegato.
 
Aggiornamento della formazione
L’obbligo di aggiornamento può essere ottemperato in una unica occasione o anche per mezzo di attività che siano distribuite nell’arco temporale di riferimento (ossia nel quinquennio).
Anche in quest’ultimo caso i cinque anni decorrono a partire dall’11 gennaio 2012 e quindi sempre considerando il quinquennio successivo. Quindi la prossima scadenza per i soggetti già formati alla data di pubblicazione dell’accordo, sarà l’11 gennaio 2017.
Per i soggetti formati successivamente all’11 gennaio 2012, il termine iniziale per il calcolo del quinquennio per l’aggiornamento è quello della data dell’effettivo completamento del corso.
Le linee applicative specificano che si può ottemperare all’obbligo di aggiornamento svolgendo una parte non superiore ad un terzo del percorso di aggiornamento (pertanto 2 ore) per mezzo anche della partecipazione a convegni e seminari purché trattino delle materie di cui ai punti 7 e 9 rispettivamente dell’accordo ex art. 34 e dell’accordo ex art. 37 e che prevedano la verifica finale di apprendimento.
Le restanti 4 ore devono essere svolte secondo le modalità stabilite dagli accordi.
Quanto all’aggiornamento dei preposti, le 6 ore quinquennali (che comprendono le 6 ore di aggiornamento quali lavoratori) devono essere svolte avendo riguardo ai compiti in materia di salute e sicurezza sul lavoro.
In riferimento alla formazione del preposto, la formazione particolare ed aggiuntiva costituisce credito formativo permanente fino a quando la posizione del preposto rimane analoga nell’ambito dell’organizzazione di riferimento. Il credito viene meno se la posizione del preposto muta e in tal caso deve svolgere la formazione particolare ed aggiuntiva, legata al ruolo svolto in azienda, come preposto.
In riferimento al datore di lavoro che svolge il ruolo di RSPP le linee applicative chiariscono che, in caso di nuova attività, è tenuto a completare il percorso formativo entro e non oltre novanta giorni dalla data di inizio della propria attività.
 
La formazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione
Per quanto riguarda la formazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione e degli addetti (di seguito RSPP e ASPP), con l’accordo sancito in conferenza Stato Regioni il 5 ottobre 2006 era stata stabilita la data del 14 febbraio 2012 come data entro la quale tali soggetti che beneficiavano dell’esonero dalla frequenza del modulo B sulla base dei crediti professionali pregressi dovevano completare l’aggiornamento del corso. Ad oggi molti ASPP/RSPP non sono riusciti a completare l’aggiornamento entro tale data.
Per questi RSPP/ASPP (e per quelli che in futuro non dovessero riuscire a completare l'aggiornamento nei 5 anni previsti) l’estensore delle linee applicative chiarisce che è sospesa l’operatività e quindi non sono in grado di esercitare i propri compiti fintanto che non venga completato l’aggiornamento per il monte ore mancante, riferito al quinquennio appena concluso.
Il completamento dell’aggiornamento consente di riacquisire la fruibilità del credito relativo al modulo B (si ricorda che il modulo A e C costituiscono credito formativo permanente) consentendo ad ASPP/RSPP di recuperare tale operatività.
 
Decorrenza dell’aggiornamento per ASPP e RSPP esonerati ai sensi del comma 5 dell’articolo 32 del d. lgs. n. 81/2008
Per i soggetti esonerati dal frequentare il modulo B ai sensi dell’art. 32 comma 5 del d. lgs. n. 81/08[1] l’obbligo di aggiornamento decorre dalla data di entrata in vigore dello stesso ossia il 15 maggio 2008 e pertanto il percorso andrà concluso entro il 15 maggio 2013.
La decorrenza del quinquennio entro cui terminare l’aggiornamento nel caso di conseguimento di laurea di cui al comma 5 dell’art. 32 viene considerata a partire dalla data di conseguimento della laurea.

In Evidenza

Archivio News

Privacy

Perché questo avviso

Di seguito si descrivono le modalità di gestione del sito Web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC), in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta di un'informativa che è resa anche ai sensi dell'art. 13 del Decreto Legislativo n. 196 del 30 giugno 2003 (nel seguito indicato come Codice sulla privacy), a coloro che interagiscono con i servizi web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC), accessibili per via telematica a partire dall'indirizzo:

www.anceforli.it

corrispondenti alla pagina iniziale dei siti di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC).
L'informativa è resa solo per i siti web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC) e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall'utente tramite link.

L'informativa segue la Direttiva 2009/136/CE Del Parlamento Europeo E Del Consiglio del 25 novembre 2009, recante modifica della direttiva 2002/22/CE relativa al servizio universale e ai diritti degli utenti in materia di reti e di servizi di comunicazione elettronica, della direttiva 2002/58/CE relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche, per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento.

 

Il "Titolare" del trattamento

A seguito della consultazione di questo sito possono essere trattati dati relativi a persone identificate o identificabili. Il "titolare" del loro trattamento è UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA, che ha Sede Sociale in Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC)

Nelle varie sezioni del sito web, qualora vengano effettuati trattamenti di dati, sono indicati i relativi Responsabili del trattamento.

 

Luogo di trattamento dei dati

I trattamenti di dati connessi ai servizi web di questo sito hanno luogo presso Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC) e sono curati solo dal personale di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA, incaricato del trattamento.
Nessun dato personale derivante dal servizio web viene diffuso. I dati personali forniti dagli utenti sono utilizzati al solo fine di eseguire il servizio o la prestazione richiesta e sono comunicati a terzi nel solo caso in cui ciò sia a tal fine necessario.

 

Tipi di dati trattati

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software utilizzate per il funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso della rete Internet, che risulta basata sul protocollo TCP/IP.
Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti navigatori.
In questa categoria di dati rientrano gli "indirizzi IP" o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server web, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server web (buon fine, errore, ecc) ed altri parametri relativi al sistema operativo ed all'ambiente informatico dell'utente.
Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento del sito web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC).
Si evidenzia che i predetti dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di reati informatici ai danni del sito web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC).

Dati forniti volontariamente dall'utente

La richiesta di invio di posta elettronica agli indirizzi indicati nelle apposite sezioni del sito web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC), comporta la successiva acquisizione di alcuni dati personali del richiedente, compreso l'indirizzo e-mail del richiedente, necessario per rispondere alle richieste.
Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per questi particolari servizi a richiesta.

Cookies

Un cookie è un piccolo "file dati" che alcuni siti web, mentre vengono visitati, possono inviare all'indirizzo dell'utente che li sta navigando al fine di tracciare il suo percorso all'interno del sito e raccogliere dati in forma esclusivamente anonima per migliorare l'offerta e la fruibilità del sito stesso. Per tali motivi anche il server Web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC), durante la navigazione del proprio sito, può scambiare dei cookies con gli elaboratori degli utenti.
Ogni utente, se preferisce, può comunque impostare il proprio browser in maniera tale da ricevere un avvertimento della presenza di un cookie e decidere se accettarlo o rifiutarlo.
È possibile anche rifiutare automaticamente la ricezione dei cookies attivando l'apposita opzione del browser: il mancato utilizzo dei cookies, tuttavia, potrebbe comportare difficoltà nell'interazione con il sito dell’azienda.

Maggiori dettagli su come le aziende utilizzano i cookie sono disponibili all'indirizzo www.allaboutcookies.org.

 

Servizi utilizzati dal sito web

Statistica

Google Analytics (Google)

Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell’Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti.
Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l’indirizzo IP dell’utente a nessun altro dato posseduto da Google.
L’eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Advertising

Google Adsense (Google)

Google Adsense è un servizio di advertising fornito dall’utente che indicizza ed inserisce nella propria memoria cache tutti o parte dei dati presenti sul sito anche tramite mezzi automatizzati compresi Web spider o Crawler.
Le modalità di trattamento prevedono che l’Utente espressamente accetti le privacy policy di Google Inc al fine di consentire ai propri partner di inserire, leggere e utilizzare dei cookie sul browser dei propri utenti, ovvero usare segnalatori web per raccogliere informazioni durante il periodo in cui gli annunci sono visualizzati sul sito.
La raccolta dei dati è finalizzata a ricerche in merito all’utilizzo del sito e al comportamento degli utenti in relazione agli annunci pubblicitari, ai prodotti e ai servizi offerti.

Mailing List / Newsletter

Questi servizi consentono al Sito di gestire e monitorare mailing list finalizzate alla spedizione di informazioni all’Utente tramite posta elettronica.

Form di Mailing List / Newsletter

A seguito della registrazione alla mailing list / newsletter, l’indirizzo email dell’utente viene automaticamente inserito nella lista di contatti a cui è periodicamente trasmessa la newsletter curata dal presente sito.

Social Widgets/Buttons

Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)

Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell’Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito.
Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull’utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: http://www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)

Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web.
Twitter, grazie al click dell’Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito.
Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull’utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: http://twitter.com/privacy

 

Facoltatività del conferimento dei dati personali

A parte quanto specificato per i dati di navigazione, l'utente è libero di fornire i dati personali riportati negli appositi moduli elettronici di richiesta, nelle sezioni del sito web predisposte per particolari servizi a richiesta.
Si evidenzia peraltro che il loro mancato conferimento può comportare l'impossibilità di ottenere quanto richiesto.

Modalità del trattamento e misure di sicurezza

I dati personali sono trattati con strumenti automatizzati e non, per il solo tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Specifiche misure di sicurezza sono osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.

 

Diritti degli interessati

I soggetti cui si riferiscono i dati personali, eventualmente raccolti nelle predette sezioni specifiche, hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell'esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l'origine, verificarne l'esattezza o chiederne l'integrazione o l'aggiornamento, oppure la rettificazione ai sensi dell'art. 7 del Codice sulla privacy.
L'interessato ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.
Le eventuali richieste vanno rivolte a:

UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA
Collegio Costruttori Edili Forlì-Cesena
C.F. 92061770407

Via Punta di Ferro n. 2/a
47121 Forlì (FC)
Tel. +39 0543 727701
Fax +39 0543 798482
info@anceforli.it
www.anceforli.it

 

Minori

UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC) non utilizza consapevolmente il proprio sito web per richiedere dati a minori di 18 anni.

Versioni della privacy policy

Considerando che lo stato di perfezionamento dei meccanismi automatici di controllo non li rende attualmente esenti da errori e disfunzioni, si precisa che il presente documento, costituisce la "Privacy Policy" del sito web di UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA Via Punta di Ferro n. 2/a - 47121 Forlì (FC) e sarà soggetta ad aggiornamenti (verranno comunque rese disponibili le varie versioni dello stesso).

Note Legali e Copyright

Note legali
Condizioni di visione ed uso del sito www.anceforli.it

1. Premesse
Le seguenti condizioni generali di contratto si riferiscono alla visione e all'utilizzo del sito www.anceforli.it e si applicano agli eventuali servizi forniti da (d'ora in avanti nominato "La Proprietà"), per i quali non siano previste diverse ed espresse condizioni generali all'atto della registrazione dell'utente o della prima fornitura dei Servizi;
Le Condizioni Generali sono soggette alle disposizioni applicabili del Decreto Legislativo 185/1999 relative alla protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza, tenuto conto della gratuità dei Servizi. in particolare, gli Utenti hanno diritto di recesso secondo i tempi e le modalità previste dalla legislazione corrente.
I contenuti di questo sito (www.anceforli.it) sono realizzati e controllati con la massima accuratezza possibile. La Proprietà non potrà essere ritenuta responsabile di eventuali malfunzionamenti e per i danni, diretti e indiretti, che da essi possono derivare.

2. Divieto di rivendita o di uso commerciale dei Servizi
Il diritto dell'Utente di usare i Servizi è personale e non cedibile.
All'Utente è fatto assoluto divieto di rivendere o fare qualsiasi altro uso commerciale dei Servizi, senza il consenso scritto della Proprietà.

3. Esclusione di garanzia
L'Utente riconosce che l'uso dei Servizi avviene a proprio esclusivo rischio. I Servizi vengono forniti così come sono e come disponibili. La Proprietà non offre alcuna garanzia che i Servizi corrispondano ai requisiti richiesti dall'Utente, o che siano ininterrotti, convenienti, sicuri o privi di errori; inoltre non viene offerta alcuna garanzia circa i risultati che sono attesi, sperati od ottenuti con l'uso dei Servizi.

4. Responsabilità dell’Utente
L'Utente riconosce di essere il solo responsabile di ogni e qualsiasi informazione, messaggio, testo, software, dato, suono, musica, fotografia, grafica, video e altro materiale da egli trasmesso, divulgato, scambiato o reso comunque disponibile tramite i Servizi, e si impegna a manlevare e tenere indenne La Proprietà da qualsiasi rivendicazione e/o pretesa di terzi derivante dai propri Contributi;

5. Informazioni e Dati
La Proprietà non è tenuta ad effettuare alcuna attività di controllo sulla liceità, veridicità, fondatezza, accuratezza, non ingannevolezza, non offensività dei Contributi degli Utenti, con particolare ma non esclusivo riferimento ai Contributi degli Utenti ai Servizi. In ogni caso, La Proprietà si riserva di rifiutare e/o eliminare a sua discrezione i Contributi non ritenuti idonei alla trasmissione, divulgazione, scambio o messa a disposizione tramite i Servizi;
6. Responsabilità
La Proprietà declina ogni responsabilità per danni, pretese o perdite, dirette o indirette, derivanti all'Utente o a terzi dalla trasmissione, divulgazione, scambio o messa a disposizione di Contributi tramite i Servizi da essa forniti;
L'Utente riconosce di avere compreso e accettato tutti i termini e le condizioni del Contratto e, ai sensi degli artt. 1341 e 1342 del codice civile, dichiara di aver letto attentamente e di approvare specificamente tutte le clausole di cui agli artt. precedenti.

Copyright
Entrando in questo sito (www.anceforli.it), entrate in territorio italiano e accettate l'applicazione della legge italiana e la competenza dei tribunali italiani.
Le immagini, i testi e i marchi presenti in questo sito sono di proprietà di Unindustria Forlì-Cesena Collegio Costruttori Edili Forlì-Cesena (d'ora in avanti nominato "Il Proprietario").
Ai sensi della Legge sul Diritto di Autore (22.04.1941, n. 633), si fa espressamente divieto di usare:

1. dati, immagini e informazioni contenute in questo sito

2. rappresentazioni fotografiche, PDF, documenti elettronici.

In ogni caso, l'utilizzo di materiale appartenente al Proprietario, deve essere soggetto ad approvazione da parte dell'azienda. Loghi di altre Aziende e Istituzioni, link ad altri siti e altro materiale pubblicizzato appartengono ai legittimi proprietari. Ogni violazione della predetta normativa darà titolo al titolare del sito di agire nelle sedi competenti per la tutela dei suoi diritti.

UNINDUSTRIA FORLÌ-CESENA
Collegio Costruttori Edili Forlì-Cesena
C.F. 92061770407

Via Punta di Ferro n. 2/a
47121 Forlì (FC)

Tel. +39 0543 727701
Fax +39 0543 798482

info@anceforli.it
www.anceforli.it

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti alla newsletter.

Area Riservata

Inserire Username e Password per accedere.

Condividi

Invia a un amico

  1. Share with Facebook
  2. Share with Twitter